Parità di genere

This page is also available in:

  • Reference number
    57/2022

    On the occasion of the European Parliament (EP) Gender Equality Week, the European Economic and Social Committee (EESC) debated the way to improve women's participation in the labour market with EP Vice-President Evelyn Regner.

  • EESC plenary debate linked to the adoption of the opinions SOC/726 on Combatting violence against women and SOC/731 on Gender equality, with Christina Fabre, Team leader on gender-based violence, European Institute for Gender Equality (EIGE).

  • Reference number
    35/2022

    At its July plenary, the European Economic and Social Committee (EESC) debated the Commission's draft directive to tackle gender-based violence and gender equality in presence of Cristina Fabre of the European Institute for Gender Equality. The Committee adopted two opinions with recommendations for making the legislation more effective in combatting such an issue of epidemic proportions and demanded for its inclusion in the list of EU crimes.

  • Equal pay for men and women or for work of equal value is one of the fundamental rights and principles of the EU, but on average women are still paid 14% less per hour than men, with pay differences present in all sectors and widening with age. Although welcomed as a much-needed step to close the gender pay gap, the Commission's proposal on pay transparency is receiving a mixed response, an EESC hearing found.

  • The EESC NAT Section and its Sustainable Development Observatory are marking International Women Day 2021 by taking part in the #IWD2021 action to celebrate women's achievement, raise awareness against bias and take action for equality.

  • Reference number
    51/2019

    This year, the EESC honors outstanding citizens' initiatives that champion equal opportunities for women and men and contribute to empowering women in society and the economy

  • Reference number
    37/2019

    Il termine ultimo per presentare le candidature è il 6 settembre

    Il Comitato economico e sociale europeo invita i cittadini e le organizzazioni della società civile di tutta l'Unione europea a candidarsi per il suo Premio per la società civile. L'edizione di quest'anno premierà le iniziative che, per lottare contro gli stereotipi di genere, promuovono le pari opportunità e la parità di trattamento delle donne e degli uomini in tutti gli ambiti della vita economica e sociale.

  • CSP 2019 logo
    Reference number
    28/2019

    Il Comitato economico e sociale europeo (CESE) ha appena lanciato l'edizione 2019 del suo Premio per la società civile. Il tema di quest'anno è "Più donne nella società e nell'economia europee": l'intento è premiare le iniziative e i progetti innovativi con cui la società civile si batte a favore delle pari opportunità tra donne e uomini e della loro parità di trattamento in tutti gli ambiti della vita economica e sociale.

  • Il CESE avverte che, benché in generale si siano fatti passi avanti in materia di parità di genere, il ritmo di tali progressi è troppo lento: di questo passo in Europa ci vorrà più di un secolo perché si affermi pienamente tale parità

    Il Comitato economico e sociale europeo (CESE) ha esortato l'Unione europea e i suoi Stati membri a porre l'uguaglianza di genere in cima alla loro agenda politica, considerato che i recenti attacchi ai diritti delle donne in Europa potrebbero compromettere gravemente i progressi verso la parità di genere.