Congratulazioni per aver garantito la conclusione di un partenariato globale tra l'UE e il Regno Unito

Dichiarazione congiunta di Christa Schweng, Presidente del Comitato economico e sociale europeo (CESE), e Jack O'Connor, presidente del gruppo di monitoraggio Brexit del CESE

Congratulazioni ai negoziatori dell'Unione europea e del Regno Unito per aver portato a termine un negoziato estremamente complesso e difficile, che ha permesso di giungere a un accordo commerciale di vitale importanza per i cittadini britannici e di tutta l'Europa

Ora il CESE è pronto a creare tutti i collegamenti possibili con la società civile del Regno Unito.

Siamo innanzitutto profondamente sollevati che, al termine di un negoziato lungo e complesso, l'UE e il governo britannico siano riusciti all'ultimo minuto a concludere un accordo di partenariato.

A seguito della decisione del Regno Unito di lasciare l'UE il 31 gennaio 2020, dopo averne fatto parte per 47 anni, era assolutamente vitale sapere in che modo i due partner avrebbero gestito le loro relazioni future.

L'accordo di partenariato sarà il fondamento su cui saranno costruite le relazioni tra l'UE e il Regno Unito.

A nome del CESE esprimiamo le nostre più sentite congratulazioni a Michel Barnier, capo negoziatore dell'UE, e alla sua équipe, che hanno dato prova di indiscutibile professionalità, resilienza ed esperienza, lavorando senza sosta per tenere unito il fronte europeo.

Naturalmente desideriamo estendere le nostre congratulazioni anche alla delegazione del Regno Unito, che si è adoperata con successo per concludere l'accordo. Sappiamo bene che il percorso è stato tutt'altro che facile.

Grazie al nuovo accordo di partenariato, dal 1° gennaio 2021 le imprese, i lavoratori e i cittadini delle due sponde della Manica saranno in grado di organizzarsi. L'accordo apporta infatti delle certezze, ossia proprio l'elemento indispensabile affinché le imprese possano pianificare i loro investimenti, i lavoratori decidere dove svolgere la loro attività e i cittadini scegliere dove vivere.

Il CESE ha seguito da vicino i negoziati sulla Brexit, anche attraverso un gruppo di lavoro ad hoc creato al suo interno.

Per il futuro ci impegneremo ad ottimizzare la cooperazione con le altre istituzioni europee e con i soggetti chiave, nonché a creare tutti i possibili collegamenti con la società civile del Regno Unito. Oggi più che mai, siamo convinti che questa dovrà essere la missione del CESE per gli anni a venire.

Christa Schweng

Presidente del Comitato economico e sociale europeo (CESE)

Jack O'Connor

Presidente del gruppo di monitoraggio Brexit del CESE