Lingue disponibili:

Editoriale

Possa quest'anno portare più prevedibilità, pace e gioia

Care lettrici/cari lettori,

abbiamo iniziato questo 2021 ancora in balia della pandemia di COVID-19, limitati dalle misure di confinamento e alle prese con la destabilizzazione del mercato del lavoro, ma l'arrivo del vaccino ci dà speranza. Ciò che è importante quest'anno è garantire dosi di vaccino per tutti e convincere i nostri concittadini a farsi vaccinare. Mentre la campagna vaccinale procede, bisognerà concentrarsi sempre più sulla ripresa e sulla creazione di un'Europa post COVID-19.

Il Portogallo, che ha assunto la presidenza del Consiglio dell'UE il 1° gennaio, ha adottato con chiarezza questo approccio più ampio e lungimirante. Lisbona concentra le sue priorità sulla lotta contro la crisi economica e il suo impatto sui cittadini, promuovendo una ripresa equa, verde e digitale.

Date da ricordare


24 - 25 febbraio 2021, Bruxelles:
sessione plenaria del CESE


18 - 19 marzo 2021, Bruxelles:
La vostra Europa, la vostra opinione! 2021

"Una domanda a…"

Una domanda a…

Nella nostra sezione intitolata "Una domanda a… " invitiamo i membri del CESE a rispondere a una domanda su una tema di attualità che ci sembra particolarmente pertinente.
 

Per un partenariato solido tra l'Unione europea e gli Stati Uniti

A cura di Dimitris Dimitriadis, presidente della sezione Relazioni esterne

La nuova agenda transatlantica è attualmente al centro dell'agenda politica di tutte le istituzioni europee. Il nostro Comitato, e in particolare la sezione Relazioni esterne, vi aderisce totalmente, come dimostrano non solo la recente riunione del comitato di monitoraggio Relazioni transatlantiche del CESE, in cui diversi ospiti di spicco hanno sottolineato l'importanza di un dialogo forte e solido con la società civile, e la dichiarazione del Presidente del CESE, ma anche la mia dichiarazione sulle elezioni del 2020 negli Stati Uniti, in cui ho espresso l'auspicio di un solido partenariato per affrontare le sfide globali.

Indovinate chi è il nostro ospite...

L'ospite a sorpresa

Ogni mese vi invitiamo a scoprire il nostro ospite a sorpresa: una personalità nota nel panorama europeo e in sintonia con l'attualità, che ci presenterà la sua visione del mondo, ci porterà una ventata di novità, ci mostrerà nuovi orizzonti, sarà per noi fonte di ispirazione e di conoscenze al passo con i tempi.

La nostra ospite a sorpresa, la professoressa Danuta Hübner, presenta ai lettori di CESE Info il suo punto di vista sulla Brexit

Il 23 giugno 2016 si è svolto nel Regno Unito un referendum consultivo per chiedere ai cittadini se il paese dovesse uscire dall'Unione europea. Con una ristretta maggioranza il popolo britannico si è pronunciato per l'uscita dall'UE. Il referendum ha dato risultati differenti da una regione all'altra del paese: in Scozia, in Irlanda del Nord e a Londra la maggioranza si è espressa per la permanenza nell'UE. Nondimeno, a seguito del referendum, il governo del Regno Unito si è impegnato ad attuare la Brexit. In un primo tempo, il 1º febbraio 2020, è entrato in vigore l'accordo di recesso, che prevedeva un periodo di transizione di 11 mesi. Ciò ha garantito la certezza giuridica a tutti i soggetti interessati dalla Brexit. Quindi, il 1º gennaio 2021, con l'entrata in vigore dell'accordo sulle future relazioni, il Regno Unito è diventato ufficialmente un paese terzo. 

Notizie dal CESE

La realizzazione del QFP, l'accordo sulla Brexit e la vaccinazione tra le priorità della presidenza portoghese dell'UE

Il 1° gennaio 2021 il Portogallo ha assunto la presidenza del Consiglio dell'UE all'insegna del motto "Tempo di agire: per una ripresa equa, verde e digitale".

La presidenza portoghese dovrà affrontare il difficile compito di tradurre in pratica gli accordi stipulati nell'ultimo periodo della presidenza tedesca sul bilancio pluriennale dell'UE (QFP) e sul Fondo per la ripresa, attuare l'accordo post-Brexit con il Regno Unito e supervisionare la vaccinazione dell'Europa contro la COVID-19.

Il CESE dà il benvenuto all'influente attivista irlandese per i diritti delle persone con disabilità Sinéad Burke

Il 2 dicembre, il Comitato economico e sociale europeo ha organizzato un dibattito con la scrittrice irlandese e attivista per i diritti delle persone con disabilità Sinéad Burke nel quadro della sessione plenaria dedicata all'emancipazione delle persone con disabilità e alla loro inclusione in tutti i settori della vita economica, sociale e politica nell'UE e non solo.

Diritti all'unità delle persone con disabilità

Vi invitiamo a rivivere alcuni dei momenti chiave della conferenza stampa virtuale organizzata dall'unità Stampa il 2 dicembre, in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità 2020.

Il CESE chiede una modifica della legge elettorale dell'UE

Il Comitato economico e sociale europeo (CESE) ha invitato il Parlamento europeo (PE), il Consiglio dell'UE e gli Stati membri a modificare con urgenza l'Atto elettorale del 1976 in modo da garantire che tutti i cittadini dell'UE con disabilità abbiano un effettivo diritto di voto alle elezioni del Parlamento europeo del 2024.

Congratulazioni per aver garantito la conclusione di un partenariato globale tra l'UE e il Regno Unito

Dichiarazione congiunta di Christa Schweng, Presidente del Comitato economico e sociale europeo (CESE), e Jack O'Connor, presidente del gruppo di monitoraggio Brexit del CESE

Congratulazioni ai negoziatori dell'Unione europea e del Regno Unito per aver portato a termine un negoziato estremamente complesso e difficile, che ha permesso di giungere a un accordo commerciale di vitale importanza per i cittadini britannici e di tutta l'Europa

Bilancio dell'UE 2021-2027: il CESE plaude al fatto che si sia tenuto conto del punto di vista della società civile

Il CESE accoglie con soddisfazione l'accordo dei capi di Stato e di governo dell'UE sul quadro finanziario pluriennale (QFP) per il 2021-2027, raggiunto il 10 dicembre scorso. Il compromesso sul bilancio europeo e sul fondo per la ripresa, cui si aggiunge un meccanismo di condizionalità per il rispetto dello Stato di diritto, tiene conto del contributo proattivo e globale del CESE in favore di un QFP più ambizioso per l'Unione.

#DigitalServicesAct, #DigitalMarketsAct: È tempo che la nostra democrazia si metta al passo con gli sviluppi tecnologici

Le ultime iniziative adottate dalla Commissione europea per regolamentare i servizi e i mercati digitali garantiranno che i provider si assumano la responsabilità dei servizi che offrono e che i giganti del digitale non impongano le loro regole sui mercati europei, ha sottolineato la vicepresidente esecutiva della Commissione Margrethe Vestager nel suo intervento alla sessione plenaria di dicembre del CESE

I servizi pubblici nazionali sono essenziali per la democrazia e lo Stato di diritto nell'UE

Il CESE invoca una serie di principi comuni per i servizi pubblici al fine di aiutare gli Stati membri a rispettare pienamente la democrazia e lo Stato di diritto.

Nuovo patto dell'UE sulla migrazione e l'asilo: un'occasione perduta per un indispensabile nuovo inizio

Durante una conferenza ad alto livello organizzata dal CESE, il nuovo patto dell'UE sulla migrazione e l'asilo è stato oggetto di forti critiche da parte di rappresentanti della società civile, di gruppi di riflessione e del Parlamento europeo, secondo i quali il testo non introduce i cambiamenti necessari a istituire un vero e proprio sistema europeo comune in materia di migrazione e asilo.

Cielo unico europeo: la nuova proposta della Commissione potrebbe rivelarsi insufficiente

In un parere recentemente adottato, il CESE esorta la Commissione europea e le parti interessate del settore del trasporto aereo a riprendere le discussioni per chiarire quali obiettivi ambiziosi vengono fissati nel nuovo regolamento sul cielo unico europeo (CUE).

Tecnologie blockchain e industria mineraria: un futuro comune

Blockchain

Le tecnologie blockchain potrebbero offrire soluzioni utili all'industria mineraria del futuro, ma la transizione digitale dovrebbe tenere conto delle conseguenze sociali. Questo è il messaggio principale emerso dalla tavola rotonda online organizzata dalla commissione consultiva per le trasformazioni industriali (CCMI) del CESE il 14 dicembre 2020.

Per la riuscita del patto europeo per il clima è indispensabile la responsabilizzazione

EU Climate Pact

Il CESE si compiace che le proprie raccomandazioni trovino riscontro nelle proposte della Commissione europea relative a un patto europeo per il clima che sostenga le azioni del caso, già in atto o appena avviate, attraverso l'apprendimento tra pari, l'istruzione, lo sviluppo di capacità, l'eliminazione degli ostacoli e l'accesso agevolato ai finanziamenti.

Il CESE si unisce alla volontà dell'UE di rinnovare i legami con gli Stati Uniti

In seguito alle elezioni negli Stati Uniti, il comitato di monitoraggio Relazioni transatlantiche del CESE si è riunito il 15 dicembre con l'intenzione di ripristinare un forte partenariato con la società civile statunitense.

Notizie dai gruppi

Le imprese dell'UE pronte ad affrontare la duplice transizione verde e digitale

a cura di Stefano Mallia, presidente del gruppo Datori di lavoro del CESE

Conseguire la neutralità climatica e assumere la leadership digitale non saranno compiti facili per l'Europa. L'agenda trasformativa del Green Deal europeo è molto impegnativa ma anche assolutamente necessaria e urgente. Mentre alcuni amministratori delegati ritengono che si tratti di un compito titanico, gli imprenditori dell'UE sono pronti a cambiare marcia e ad accelerare l'introduzione delle transizioni verde e digitale.

Il necessario equilibrio tra questioni sociali, economiche e ambientali nella transizione industriale

A cura del gruppo Lavoratori del CESE

Le trasformazioni industriali possono tradursi in posti di lavoro e condizioni di lavoro migliori in cui siano assicurate una crescita sostenibile e l'inclusività. Oppure potrebbero essere foriere del diffondersi della disuguaglianza e della povertà, dell'esplodere della disoccupazione per alcuni gruppi e, alla fine, dell'incrinarsi della coesione sociale, con la conseguenza di mettere a repentaglio l'UE e la stessa democrazia.

Lavoratori autonomi che vivono in condizioni di povertà: una categoria spesso dimenticata

di Ronny Lannoo, membro del gruppo Diversità Europa e di UNIZO, organizzazione belga di PMI

I lavoratori autonomi sono spesso associati all'idea di "fare soldi in fretta" e al successo. Questa visione caricaturale mette in ombra le numerose sfide che gli imprenditori devono affrontare. Il lavoro autonomo comporta sempre dei rischi, sia nella sfera aziendale che in quella privata.

Prossimamente al CESE/eventi culturali

Una mostra del CESE celebra la dimensione sociale al centro della presidenza portoghese dell'UE

Nel momento in cui il Portogallo si accinge a prendere in mano le redini dell'UE e a porre l'agenda sociale in cima alla lista delle priorità, il CESE ospita una mostra virtuale dell'artista portoghese Maria Reis Rocha che rende omaggio ai legami umani e alla solidarietà.

Il CESE unisce i giovani di tutta Europa per riflettere su una via d'uscita dalla crisi climatica

L'edizione 2021 di "La vostra Europa, la vostra opinione", l'evento del CESE dedicato ai giovani, prenderà a modello la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP), consentendo agli studenti di dire la loro su come affrontare la crisi climatica e avvicinarsi all'ambizioso traguardo della neutralità climatica entro il 2050.