Il gruppo consultivo interno dell'UE nel quadro dell'accordo sugli scambi commerciali e la cooperazione tra UE e Regno Unito

This page is also available in

Nell'ambito del quadro istituzionale, l'articolo 13 dell'accordo sugli scambi commerciali e la cooperazione tra UE e Regno Unito prevede che ciascuna parte istituisca un gruppo consultivo interno (GCI) composto da rappresentanti delle organizzazioni della società civile.

L'obiettivo principale del GCI dell'UE consiste nel fornire alla Commissione consulenza e pareri in merito all'attuazione dell'intero accordo sugli scambi commerciali e la cooperazione (cfr. più avanti). Si tratta del primo gruppo consultivo interno dell'UE ad essere dotato di un mandato così ampio, che va oltre i temi del commercio e dello sviluppo sostenibile.

Considerata l'estrema ampiezza – invero senza precedenti – del mandato, è stato necessario istituire un GCI più ampio per mettere a frutto l'esperienza di una vasta gamma di portatori di interessi, garantendo nel contempo la capacità del GCI di operare a ritmo sostenuto. Il gruppo consultivo interno dell'UE nel quadro dell'accordo sugli scambi commerciali e la cooperazione tra UE e Regno Unito comprende quindi 30 seggi in totale, dei quali 24 sono assegnati all'ampia rete di organizzazioni della società civile europea e 6 al Comitato economico e sociale europeo (CESE). Tale composizione garantisce una rappresentanza equilibrata degli attori economici, sociali e ambientali.

Composizione completa del gruppo consultivo interno dell'UE nel quadro dell'accordo sugli scambi commerciali e la cooperazione tra UE e Regno Unito

L'accordo sugli scambi commerciali e la cooperazione tra l'UE e il Regno Unito

The L'accordo sugli scambi commerciali e la cooperazione concluso tra l'UE e il Regno Unito stabilisce regimi preferenziali in settori quali gli scambi di merci e servizi, il commercio digitale, la proprietà intellettuale, gli appalti pubblici, l'aviazione e i trasporti su strada, l'energia, la pesca, il coordinamento della sicurezza sociale, la cooperazione delle autorità di contrasto e giudiziarie in materia penale, la cooperazione tematica e la partecipazione ai programmi dell'Unione. L'accordo si fonda su disposizioni che garantiscono condizioni di parità e il rispetto dei diritti fondamentali.

Anche se non consentirà di raggiungere il livello di integrazione economica esistente quando il Regno Unito era uno Stato membro dell'UE, l'accordo sugli scambi commerciali e la cooperazione va al di là dei tradizionali accordi di libero scambio e costituisce una solida base per preservare l'amicizia e la collaborazione di lunga data.

L'accordo è stato firmato il 30 dicembre 2020, è stato applicato in via provvisoria dal 1º gennaio 2021 ed è entrato in vigore il 1º maggio 2021.

Per maggiori informazioni e indicazioni consultare la pagina web della Commissione.

Downloads

Rules of Procedure