Lingue disponibili:

La guerra in Ucraina ci richiama brutalmente alla memoria l'obiettivo iniziale della creazione dell'UE: mantenere una pace duratura nel nostro continente. Purtroppo, eravamo riusciti a dimenticare tale obiettivo. A un certo punto, infatti, la narrazione europea della pace non è risultata più attraente, soprattutto per le giovani generazioni. Adesso stiamo imparando ancora una volta che, per citare Albert Camus, "la pace è la sola battaglia che valga la pena combattere", e che dobbiamo continuare a compiere ogni sforzo per portare il cambiamento là dove è necessario.

Date da ricordare

Sulla strada, in viaggio dall'Ucraina verso ...

Image
Sławek Kaminski / GW

Possiamo assistere ai tragici avvenimenti che stanno sconvolgendo l'Ucraina come se accadessero davanti ai nostri occhi grazie al lavoro instancabile ed eroico di giornalisti, fotografi e cineoperatori che vanno là dove noi non possiamo andare. Uno di loro, il fotografo polacco Sławek Kamiński, ci ha inviato le foto che ha scattato al confine tra la Bielorussia e la Polonia, nella città polacca di Rzeszów e al posto di frontiera di Medyka-Shehyni.

Oggi pubblichiamo la prima di queste foto, scattata alla frontiera tra la Polonia e l'Ucraina, e lo ringraziamo per aver fermato nel tempo questi istanti.

L'ospite a sorpresa

Ogni mese, nella nostra rubrica "L'ospite a sorpresa", vi invitiamo a scoprire una personalità che, con il suo lavoro e il suo impegno, rappresenta una fonte di ispirazione e che si contraddistingue, in particolare, per un coraggio, una forza di carattere e una determinazione esemplari.

Sławek Kaminski: alla frontiera

Senza pensarci un secondo, io e un collega abbiamo preso la direzione della frontiera alle cinque di mattina di sabato 26 febbraio 2022. L'invasione russa dell'Ucraina era iniziata due giorni prima.

Una domanda a…

Nella nostra rubrica "Una domanda a...", il membro del CESE Javier Doz risponde a una domanda di CESE Info sui compiti più importanti che il gruppo Semestre europeo, del quale è il presidente, dovrà svolgere nel 2022.

CESE: Lei è il presidente del gruppo Semestre europeo. Quali saranno i compiti più importanti del gruppo quest'anno?

Javier Doz presenta il gruppo Semestre europeo e le sue attività

Il gruppo Semestre europeo (GSE) si compone di 42 membri, è presieduto da tre persone - di cui due (Luca Jahier, del III gruppo, e Gonçalo Lobo, del I gruppo) con funzione di vicepresidente - ed è assistito da una segreteria, diretta da Jakob Andersen, che è formata da tre persone, più una tirocinante. A questa struttura vanno aggiunte 27 delegazioni nazionali tripartite composte in totale da altri 39 membri.

Veniamo al punto

Nella nostra rubrica "Veniamo al punto", invitiamo i membri del CESE a mettere in evidenza i punti dei loro pareri che ritengono importanti. Questa volta abbiamo chiesto a Ozlem Yildirim di spiegarci le questioni derivanti dai legami tra la tutela dell'ambiente e i diritti fondamentali.

Ozlem Yildirim: Riconoscere il diritto a un ambiente sano in quanto diritto fondamentale

 Partendo dalla constatazione che il degrado ambientale e i cambiamenti climatici hanno un impatto diretto e indiretto su una serie di diritti fondamentali (come il diritto alla vita, il diritto alla salute o il diritto all'istruzione), il CESE ha affrontato per la prima volta questa interconnessione evidente, che rischia di vanificare i progressi compiuti negli ultimi decenni in termini di sviluppo, salute globale e riduzione della povertà.

Notizie dal CESE

Senza un'Ucraina sicura, l'Europa stessa è a rischio

In un dibattito nato spontaneamente su impulso della Presidente del CESE Christa Schweng durante la sessione plenaria di febbraio, i membri del Comitato economico e sociale europeo hanno condannato l'invasione ingiustificata e non provocata dell'Ucraina da parte della Federazione russa. I membri del CESE hanno espresso la loro solidarietà con il popolo ucraino e invocato azioni risolute a livello sia dell'UE che nazionale e in uno spirito di unità, in questo drammatico momento.

Politica industriale: la sostenibilità deve andare di pari passo con la competitività e l'autonomia strategica

L'UE deve riesaminare le priorità della sua politica industriale alla luce della pandemia e del conflitto alla frontiera orientale dell'Europa. Questo il messaggio emerso il 4 marzo 2022 dal convegno 'Un futuro sostenibile per l'industria europea', organizzato dal Comitato economico e sociale europeo, in collaborazione con la Commissione europea e la presidenza francese del Consiglio dell'Unione europea.

L'aggressione in atto nei confronti dell'Ucraina evidenzia la necessità di rafforzare ulteriormente il progetto europeo

Il Comitato economico e sociale europeo (CESE) ha tenuto un convegno sul tema Plasmare l'Europa insieme. L'obiettivo del convegno, organizzato in vista della conclusione della Conferenza sul futuro dell'Europa, era quello di fare il punto sul lavoro svolto finora dal Comitato e discutere la situazione attuale, le sfide che ci attendono e le ambizioni per l'avvenire.

Dobbiamo percorrere insieme il lungo cammino verso la parità di genere

Il convegno sul tema "Le donne nel mercato del lavoro", organizzato dal CESE per celebrare la Giornata internazionale della donna, si è tenuto l'8 marzo all'ombra della guerra. I partecipanti hanno reso omaggio alle donne ucraine per la loro forza, il loro coraggio e la loro resilienza straordinari.

Prima edizione dei Premi dell'UE per la produzione biologica

EU organic awards

Quest'anno il Comitato economico e sociale europeo (CESE) organizzerà - insieme con la Commissione europea, il Comitato europeo delle regioni (CdR), COPA-Cogeca e IFOAM Organics Europe - la prima edizione dei Premi dell'UE per la produzione biologica, un riconoscimento all'eccellenza europea che premierà gli attori migliori e più innovativi della catena del valore del biologico nell'UE.

Plenaria del CESE: Aspettare fino a quando è troppo tardi costituisce la più grave minaccia per la transizione climatica

Nella sessione plenaria del 24 febbraio, il CESE ha presentato il suo parere Pronti per il 55 %": realizzare l'obiettivo climatico dell'UE per il 2030 lungo il cammino verso la neutralità climatica. Il CESE ha formulato proposte concrete per contribuire ad accelerare la transizione energetica in modo da consentire all'UE di ridurre di almeno il 55 % le emissioni nette di gas a effetto serra entro il 2030.

La lotta alla pandemia comporta misure eccezionali che non devono compromettere i valori comuni dell'Europa

Le misure di emergenza adottate dalle autorità pubbliche in circostanze eccezionali dovrebbero sempre essere rigorosamente proporzionate, chiaramente limitate nel tempo e monitorate con grande attenzione. Nei loro interventi alla seduta del 23 febbraio 2022 della plenaria del Comitato, sia la Presidente del CESE Christa Schweng che la vicepresidente della Commissione per i Valori e la trasparenza Věra Jourová hanno preso una posizione ferma e risoluta al riguardo.

La transizione verde dei trasporti per via d'acqua deve tenere conto della salute della popolazione

L'inverdimento del trasporto marittimo e fluviale deve tenere conto della salute e della qualità di vita di tutti coloro che vivono e lavorano in prossimità delle rotte di navigazione e dei porti. È questa l'idea di fondo del parere elaborato da Pierre Jean Coulon e adottato dal CESE nella sessione plenaria di febbraio.

Il CESE raccomanda all'UE di passare a un quadro economico orientato alla prosperità

Il CESE e la DG ECFIN della Commissione hanno organizzato un convegno online sul quadro di governance economica dell'UE nel contesto del dibattito pubblico su questo tema. L'obiettivo dell'evento era quello di coinvolgere la società civile al fine di raggiungere un consenso attorno al futuro del quadro di governance economica.

Nuovo direttore del CESE per la Comunicazione e i Rapporti interistituzionali

Alexander Kleinig è il nuovo direttore del CESE per la Comunicazione e i Rapporti interistituzionali. Kleinig ha iniziato la sua carriera al Parlamento europeo nel 1996 in qualità di amministratore presso la commissione per l'occupazione e gli affari sociali. Nel 2005 è entrato a far parte della DG COMM del Parlamento europeo in qualità di responsabile di progetto per il centro visitatori, lanciando il Parlamentarium e assumendone la gestione tra il 2011 e il 2018.

"Sono positivamente colpito dal livello di qualità dei dibattiti e dalla professionalità del personale del Comitato. Ovunque io vada, incontro colleghi che lavorano con dedizione, orgoglio ed entusiasmo. Sono anche sinceramente commosso per l'amichevole accoglienza che ho ricevuto dal personale della Direzione D. Colgo l'occasione per ringraziare Eleonora Di Nicolantonio, che mi ha preceduto nell'incarico e ha gestito così bene la direzione in passato."

Notizie dai gruppi

Il risveglio di una nuova Europa

a cura di Stefano Mallia, presidente del gruppo Datori di lavoro del CESE

"Siamo addormentati fino a quando ci innamoriamo!", scrive brillantemente Lev Tolstoj nel suo intramontabile capolavoro Guerra e Pace.

Vladimir Putin avrebbe dovuto leggere tra le righe dell'opera del suo compatriota per capire che l'Europa poteva forse essere addormentata quando la Russia ha annesso la Crimea, ma che un continente unito, che ha subito due guerre mondiali sul suo suolo, non poteva rimanere addormentato per sempre.

Giornata internazionale della donna 2022

di Maria Nikolopoulou, membro del gruppo Lavoratori del CESE

Quest'anno la celebrazione della Giornata internazionale della donna è segnata dalla pandemia di COVID-19 e dalla guerra in Ucraina. Due eventi, questi, dai quali emerge chiaramente come, nei periodi di instabilità politica, sociale ed economica, i diritti delle donne siano ancora più calpestati.

Le organizzazioni della società civile dell'UE a 27 chiedono un'azione immediata per il clima sotto il loro patrocinio

a cura del gruppo Diversità Europa del CESE

In un convegno tenutosi a Parigi, organizzazioni della società civile di tutta Europa hanno chiesto una transizione climatica ed energetica giusta, equa e inclusiva, che coinvolga i cittadini, le organizzazioni della società civile e in particolare i giovani.

Prossimamente al CESE/eventi culturali

Gli eventi culturali al CESE

L'edizione 2022 della conferenza a cura della Piattaforma delle parti interessate per l'economia circolare (ECESP) e la Giornata internazionale della donna sono state celebrate con una serie di manifestazioni culturali e spettacoli.

Edizione 2022 dell'evento

L'edizione 2022 di La vostra Europa, la vostra opinione 2022! (YEYS) si svolgerà interamente online il 31 marzo e il 1º aprile 2022. "La verità sulle menzogne. I giovani sfidano la disinformazione" è il tema di cui discuteranno gli studenti.