Comitato economico e sociale europeo (CESE)

353 membri dai 28 Stati membri dell'UE (nominati per un mandato di cinque anni rinnovabile) - Mandato in corso: 2010-2015

  • BE Belgio 12
  • BG Bulgaria 12
  • CZ Repubblica ceca 12
  • DK Danimarca 9
  • DE Germania 24
  • EE Estonia 7
  • IE Irlanda 9
  • EL Grecia 12
  • ES Spagna 21
  • FR Francia 24
  • HR Croazia 9
  • IT Italia 24
  • CY Cipro 6
  • LV Lettonia 7
  • LT Lituania 9
  • LU Lussemburgo 6
  • HU Ungheria 12
  • MT Malta 5
  • NL Paesi Bassi 12
  • AT Austria 12
  • PL Polonia 21
  • PT Portogallo 12
  • RO Romania 15
  • SI Slovenia 7
  • SK Slovacchia 9
  • FI Finlandia 9
  • SE Svezia 12
  • UK Regno Unito 24

Benvenuti al sito Internet del Comitato economico e sociale europeo, concepito per informare le organizzazioni, le istituzioni, i mezzi di comunicazione e i cittadini sul ruolo e l'attività del CESE.

Il CESE è un organo consultivo dell'Unione europea. Istituito nel 1957, esso fornisce consulenza qualificata alle maggiori istituzioni dell'UE (Commissione, Consiglio e Parlamento europeo) attraverso l'elaborazione di pareri sulle proposte di leggi europee, e si esprime inoltre con pareri formulati di propria iniziativa su altre problematiche che a suo giudizio meritano una riflessione. Uno dei compiti principali del CESE è fungere da ponte tra le istituzioni dell'UE e la società civile organizzata: il Comitato promuove la democrazia partecipativa nell'UE e contribuisce a rafforzare il ruolo delle organizzazioni rappresentative della società civile stabilendo un dialogo strutturato con tali organizzazioni negli Stati membri dell'UE e in altri paesi del mondo.

I membri del CESE rappresentano un ampio ventaglio di interessi economici, sociali e culturali nei rispettivi paesi. All'interno del Comitato sono divisi in tre gruppi: "Datori di lavoro", "Lavoratori" e "Attività diverse" (agricoltori, consumatori, ambientalisti, associazioni delle famiglie, ONG ecc.). In questo modo costituiscono un vero e proprio ponte tra l'UE e le organizzazioni della società civile degli Stati membri.

In questo sito si possono consultare tutti i pareri del CESE pubblicati a partire dal gennaio 1990. Vi si trovano inoltre informazioni sui membri e i loro metodi di lavoro, sulle riunioni e audizioni organizzate dal Comitato e sul segretariato del CESE. Vi sono inoltre sezioni dedicate alle informazioni per i mezzi di comunicazione e alle possibilità offerte a voi cittadini.

A parte questa pagina iniziale, le altre pagine del sito sono in inglese (EN) o in francese (FR). Tuttavia i documenti ufficiali del CESE possono essere consultati in tutte le lingue ufficiali dell'UE. Questa pagina contiene una selezione di link a contenuti in italiano e ai contenuti più richiesti del nostro sito web in inglese e francese. Vi sono anche documenti su temi di attualità, in inglese e francese.

Attualità

27th Meeting of the ACP-EU Economic and Social Interest Groups

Brussels, Belgium
-

The Cotonou Agreement gives mandate to the EESC to keep a dialogue with ACP economic and social interest groups. Within this framework, every three years the EESC organises a general meeting in Brussels bringing together representatives from all ACP countries. This is the most important EESC activity in relation to ACP countries.

 

The 27th Meeting of ACP-EU Economic and Social Interest Groups will take place from 29 to 31 October 2014 at the EESC headquarters, located at 99 rue Belliardstraat, 1040 Brussels, Belgium.

 

The main topics on the agenda will be the trade relations between the ACP countries and the EU, the sustainable development goals and the post-2015 agenda, as well as the role of the private sector in development cooperation.

 

The EESC maintains longstanding relations with ACP countries. The Cotonou Agreement on relations between African, Caribbean and Pacific (ACP) and European Union (EU) countries mandates the EESC to promote dialogue between economic and social players in EU and ACP countries.

 

Against this backdrop, the 27th meeting will bring together some 160 participants – including representatives of economic and social partners from the 78 ACP countries – in order to gather their views on the above-mentioned topics. Representatives of Economic and Social Councils of ACP and European countries, representatives of EU and ACP institutions, international socio-professional organizations (employers, trade unions, farmers, consumers) and NGOs will also be invited. The conclusions of the meeting will be sent to political bodies and the main EU and ACP partners.

 

Stop