You are here

Gruppo di studio temporaneo Inclusione dei Rom

I Rom, con una popolazione stimata a circa 6 milioni di persone, sono la più grande minoranza etnica nell'UE. Pur costituendo parte integrante della civiltà europea da oltre mille anni, molti Rom devono affrontare quotidianamente pregiudizi, intolleranza, discriminazione ed esclusione sociale. Il quadro dell'UE per le strategie nazionali di integrazione dei Rom e la raccomandazione del Consiglio su misure efficaci per l'integrazione dei Rom negli Stati membri ne promuovono l'inclusione attiva e offrono un sostegno agli Stati membri che si trovano ad affrontare la questione dell'inclusione di questa minoranza. La maggior parte degli Stati membri ha già adottato delle strategie nazionali di integrazione dei Rom.

I dati relativi alla situazione dei Rom in materia di occupazione, istruzione, alloggio e sanità forniti dall'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali indicano che i progressi compiuti nell'attuazione delle strategie nazionali di integrazione dei Rom sono stati lenti. La discriminazione e l'antiziganismo persistono, e nel settore degli alloggi e dell'istruzione la segregazione di fatto interessa ancora un gran numero di Rom.

Il CESE ha creato un gruppo di studio temporaneo Inclusione dei Rom, composto da  membri appartenenti a diverse sezioni del CESE, che sono responsabili di svariati ambiti politici e che rappresentano i datori di lavoro, i lavoratori e le attività diverse. Il gruppo si prefigge i seguenti obiettivi:

  • raccogliere i punti di vista della società civile sull'attuazione delle strategie nazionali di integrazione dei Rom e promuoverne la partecipazione attiva;
  • offrire alla società civile, e in particolare alle organizzazioni dei Rom, opportunità per farsi sentire ed individuare e condividere le buone pratiche;
  • riferire sull'inclusione dei Rom e formulare raccomandazioni al riguardo.