You are here

Gruppo di studio temporaneo Diritti delle persone con disabilità

In quanto cittadini a pieno titolo, le persone con disabilità hanno pari diritti, tra cui quelli alla dignità, alla parità di trattamento, a una vita indipendente e alla piena partecipazione alla società. Consentire alle persone con disabilità di godere di questi diritti costituisce l'obiettivo principale della strategia a lungo termine messa a punto dall'UE per promuovere l'inclusione attiva di queste persone.

 

L'UE promuove l'inclusione attiva e la piena partecipazione delle persone con disabilità alla società, in linea con l'approccio dell'UE, basato sui diritti umani, alle questioni relative alla disabilità. Nel 2010, la Commissione europea ha adottato la strategia europea sulla disabilità 2010-2020, e nel 2007 l'UE ha firmato la convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità.

Le persone con disabilità rappresentano circa un sesto della popolazione complessiva dell'UE in età lavorativa, ma il loro tasso di occupazione è relativamente basso. Eppure, con un piccolo aiuto in più, milioni di disabili potrebbero  entrare o rientrare sul mercato del lavoro in Europa. La parità di accesso a un'istruzione di qualità e all'apprendimento permanente consente alle persone con disabilità di partecipare pienamente alla società e di migliorare la loro qualità di vita.

Il CESE ha creato un gruppo di studio temporaneo sui diritti delle persone con disabilità, composto da membri appartenenti a diverse sezioni del CESE, che sono responsabili di svariati ambiti politici e che rappresentano i datori di lavoro, i lavoratori e le attività diverse. Gli obiettivi del gruppo sono:

  • offrire un forum in cui affermare il punto di vista della società civile, in particolare quello delle organizzazioni delle persone con disabilità;
  • valutare e raccogliere le reazioni in merito ai progressi nell'attuazione della convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (UNCRPD).