Lingue disponibili:

Editoriale

Il futuro della democrazia in Europa

Cari lettori,

per lunghi anni lo spazio geografico dell'Europa è stato insanguinato dalle guerre. Le tracce di questa storia sanguinosa si possono ancora trovare in qualunque città europea che sia stata teatro di scontri e di conflitti civili. Oggi siamo testimoni del più lungo periodo senza guerre mai trascorso sul territorio dell'Unione europea. Negli stessi luoghi un tempo straziati da conflitti armati, esistono ora organismi interregionali e transnazionali che lavorano per fare in modo che la struttura chiamata Unione europea funzioni come deve. È un dato fortemente simbolico, certo, ma che da solo non basta.

Date da ricordare

20/02/2018 - 21/02/2018 Bruxelles
Realizzare l'economia circolare - Le prossime tappe Conferenza delle parti interessate dell'economia circolare
01/03/2018 - 02/03/2018 Atene
Convegno del CESE su Il futuro della democrazia in Europa
06/03/2018 - 07/03/2018 Bruxelles
4° Forum europeo sulla migrazione
14/03/2018 - 15/03/2018 Bruxelles
sessione plenaria del CESE
15/03/2018 - 16/03/2018 Bruxelles
Your Europe, Your Say!

In breve

Quale ruolo per la cultura nel futuro dell'Europa? I ragazzi europei si preparano per far conoscere il loro punto di vista a Bruxelles

Per cinque settimane, diversi membri del Comitato economico e sociale europeo si recheranno in visita nelle scuole dei rispettivi paesi selezionate a partecipare a Your Europe, Your Say (YEYS - La vostra Europa, la vostra opinione), l'assemblea dei giovani che si svolgerà a Bruxelles il 15 e 16 marzo 2018, per preparare gli studenti all'evento.

Incontro tra il Presidente del CESE Georges Dassis e il presidente del Consiglio economico, sociale e ambientale francese Patrick Bernasconi

Il 17 gennaio il Presidente del Comitato economico e sociale europeo (CESE) Georges Dassis ha incontrato a Bruxelles il Presidente del Consiglio economico, sociale e ambientale francese Patrick Bernasconi per presentare una prima valutazione della cooperazione rafforzata tra i rispettivi organi ed esaminare le possibilità di ulteriori attività congiunte.

Il Presidente Dassis prende parte alla cerimonia Silver Rose Awards al Parlamento europeo

Il Presidente del Comitato economico e sociale europeo (CESE), George Dassis, ha partecipato il 23 gennaio scorso alla 15a edizione della cerimonia Silver Rose Awards, organizzata presso il Parlamento europeo dalla rete SOLIDAR in cooperazione con il gruppo Socialisti e democratici del PE e con il Partito dei socialisti europei.  

Le organizzazioni della società civile dell'UE attive nel campo dei diritti umani segnalano maggiori difficoltà nel loro lavoro

Venerdì 19 gennaio il CESE, in partenariato con il suo gruppo di collegamento, ha ospitato la presentazione di una relazione, elaborata dall'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali (FRA), che mette in guardia contro una riduzione dello spazio di manovra della società civile nella lotta per il rispetto dei diritti umani nell'UE.

Notizie dal CESE

Il CESE consulta la società civile sulla cibersicurezza

Il CESE esorta l'UE e i suoi Stati membri ad adottare un modello di cibersicurezza a livello europeo, a rafforzare il mandato dell'Agenzia dell'Unione europea per la cibersicurezza e a istituire un sistema europeo di certificazione efficace per i servizi e i prodotti online.

Il CESE chiede alla Commissione di specificare i criteri di comunicazione proposti per i meccanismi fiscali transfrontalieri

Tax justice

Nel parere sui disincentivi all'elusione o all'evasione fiscale il CESE esorta la Commissione a definire con maggiore precisione gli elementi distintivi degli obblighi di comunicazione proposti per gli accordi e le operazioni fiscali transfrontalieri, al fine di evitare un'interpretazione soggettiva da parte dei contribuenti e delle autorità fiscali che potrebbe dar luogo a un eccesso di comunicazione e ad eventuali oneri amministrativi.

Il CESE ospita il lancio del toolkit pensato dalla Commissione per assistere gli Stati membri nell'uso dei fondi UE ai fini dell'integrazione dei migranti

Nel gennaio scorso il CESE e la Commissione europea hanno organizzato congiuntamente un evento di lancio del nuovo toolkit della Commissione per aiutare gli Stati membri a rafforzare l'integrazione di chi proviene da un contesto migratorio, grazie a un uso più efficiente e coordinato degli strumenti di finanziamento disponibili a livello UE.

I paesi dei Balcani occidentali hanno bisogno di una chiara tabella di marcia per l'adesione all'UE

È questo il messaggio di fondo emerso dall'audizione pubblica sulla coesione economica e sociale e l'integrazione europea dei Balcani occidentali organizzata dal Comitato economico e sociale europeo a Bruxelles.

"Siamo molto lieti che la presidenza bulgara del Consiglio dell'UE abbia inserito i Balcani occidentali tra le sue priorità e abbia chiesto al CESE di elaborare un parere in materia" ha dichiarato Ionuț Sibian, presidente del gruppo di studio del CESE sul tema Coesione economica e sociale e integrazione europea dei Balcani occidentali. Andrej Zorko, relatore del parere del CESE, ha posto l'accento sull'estrema complessità della regione e sulla necessità di una maggiore cooperazione regionale e di un più serio coinvolgimento della società civile nel processo di integrazione europea. 

Il "Made in Europe" deve essere su un piano di parità con i suoi concorrenti sul mercato europeo

Il protezionismo non è certamente un'opzione per l'Europa, ma l'UE non può nemmeno consentire che il suo mercato interno sia invaso da prodotti che non rispettano le norme sociali e ambientali e mettono a rischio il suo settore industriale: questo l'avvertimento lanciato dal Comitato economico e sociale europeo (CESE) in un parere in merito a un approccio globale per la politica industriale dell'UE, adottato nella sessione plenaria di gennaio.

Il CESE sollecita ad adottare rapidamente la proposta della Commissione sulla tutela della concorrenza nel trasporto aereo

Il CESE appoggia la proposta della Commissione di procedere alla tanto attesa revisione del regolamento relativo alla tutela della concorrenza nel settore del trasporto aereo. In un parere adottato nella sessione plenaria di gennaio, il CESE ha sollecitato il Parlamento e il Consiglio ad adottare rapidamente il regolamento riveduto per poter contrastare con efficacia le distorsioni della concorrenza internazionale.

Il CESE appoggia fermamente le priorità della prima presidenza bulgara del Consiglio dell'UE

"Il successo di una presidenza non dipende dalle dimensioni del paese bensì dalla volontà politica di promuovere politiche che siano cruciali per il futuro dell'Europa", ha dichiarato il Presidente del CESE Georges Dassis nel dare il benvenuto aZornitsa Roussinova, vice ministro bulgaro del Lavoro e delle politiche sociali, in occasione della sessione plenaria del CESE di gennaio.

Il CESE chiede l'istituzione di un'assicurazione finanziaria per risarcire le vittime di frodi informatiche

Migliorare la cooperazione giudiziaria tra gli Stati membri in materia di lotta alle frodi informatiche è un passo nella direzione giusta, ha affermato il CESE in un recente parere sulla proposta di direttiva della Commissione relativa alla lotta contro le frodi e le falsificazioni di mezzi di pagamento diversi dai contanti. Tuttavia, il CESE chiede maggiori garanzie per tutelare gli utenti dei mezzi di pagamento digitali e misure di prevenzione obbligatorie per segnalare le modalità operative dei criminali informatici.

Il contributo della politica di bilancio è essenziale perché la ripresa economica della zona euro continui nel 2018

Image
Doz Orrit, ECO 444

Il CESE non è d'accordo con la proposta della Commissione di una politica di bilancio sostanzialmente neutra per il 2018, raccomandando un orientamento di bilancio moderatamente positivo, pari allo 0,5 % circa del PIL. Come sottolinea nel suo parere sul tema Politica economica della zona euro 2018, lo sforzo di bilancio deve essere sopportato soprattutto dai paesi con un avanzo delle partite correnti e un margine di bilancio.

Periodi di guida e di riposo, orario di lavoro e distacco dei conducenti

Il parere del CESE sui periodi di guida e di riposo, l'orario di lavoro e il distacco dei conducenti è stato adottato il 18 gennaio scorso, nel corso della 531a sessione plenaria, con 173 voti favorevoli, 89 contrari e 17 astensioni. Ha curato il parere la relatrice Tanja Buzek della sezione Trasporti, energia, infrastrutture, società dell'informazione (TEN). (mp)

Notizie dai gruppi

I diritti sociali e la sicurezza stradale

a cura del gruppo Lavoratori del CESE

Nella sessione plenaria di gennaio il CESE ha adottato un parere sul ruolo importante dei trasporti quale settore chiave dell'economia dell'UE. Il parere affronta questioni essenziali, vale a dire i periodi di riposo e il distacco dei conducenti. Il CESE rileva che le modifiche proposte alla legislazione contenuta nel pacchetto mobilità non consentono di risolvere efficacemente i problemi di diversa natura individuati: a giudizio del gruppo Lavoratori, tali modifiche non garantiscono il successo della lotta al dumping sociale nel settore del trasporto su strada. Per garantire un migliore controllo dell'applicazione transfrontaliera delle norme in materia, il CESE chiede inoltre l'istituzione di un'Agenzia europea del trasporto su strada.

Il CESE appare diviso sul distacco dei lavoratori nel settore dei trasporti: il gruppo Datori di lavoro contro il parere del CESE

A cura del gruppo Datori di lavoro del CESE

Il gruppo Datori di lavoro non ha appoggiato il parere del CESE sui periodi di guida e di riposo, l'orario di lavoro e il distacco dei lavoratori. A suo giudizio, il parere non riflette adeguatamente le differenze di opinione nel Comitato in merito alla proposta della Commissione sul distacco dei lavoratori

La società civile dell'UE: scenari futuri per il 2030 - riunione straordinaria del gruppo Attività diverse

A cura del gruppo Attività diverse del CESE

Al termine della seconda giornata della plenaria di febbraio, il III gruppo terrà una riunione straordinaria sul tema "La società civile dell'UE: scenari futuri per il 2030" presso la sede del CESE (sala JDE62).