You are here

Commissione consultiva per le trasformazioni industriali

La commissione consultiva per le trasformazioni industriali (indicata con la sigla francese CCMI: Commission consultative des mutations industrielles) studia costantemente i cambiamenti che intervengono in un'ampia gamma di settori produttivi tenendo sempre presenti i valori del modello economico e sociale europeo.

La CCMI è subentrata al Comitato consultivo della CECA (Comunità europea del carbone e dell'acciaio) quando quest'ultima ha cessato la sua attività il 23 luglio 2002. È un organo del CESE dotato di una sua autonomia, e il suo mandato abbraccia tutti i settori produttivi, sia dell'industria manifatturiera che dei servizi.

La CCMI è composta da 51 membri del CESE e di altrettanti delegati esterni - questi ultimi designati dal CESE tra gli esponenti delle associazioni di categoria che rappresentano la società civile organizzata a livello europeo.

Il presidente della CCMI è un membro del CESE, mentre il suo copresidente è un delegato.

La CCMI ha il mandato di:

  • continuare ad occuparsi di quei comparti delle industrie carbosiderurgiche e delle relative catene di produzione e consumo che rientrano nella sfera d'intervento dell'Unione europea;
  • studiare l'impatto delle trasformazioni industriali in altri settori dell'industria e dei servizi e, più in generale, in ambiti quali l'occupazione, la politica sociale e strutturale, lo sviluppo sostenibile e la transizione energetica;
  • più di recente, esaminare le trasformazioni industriali digitali e il loro impatto sui singoli settori e sulla società nel suo insieme, ad esempio per quanto riguarda i servizi, il settore finanziario, il settore automobilistico o la sanità, e studiare gli effetti di tali trasformazioni sulla formazione professionale, l'istruzione, i partenariati pubblico-privato, i dialoghi sociale e civile e, in generale, il passaggio da Industria 4.0 a Società 4.0.

La CCMI ha la possibilità di esprimere le sue posizioni tramite pareri obbligatori ai sensi del Trattato, pareri facoltativi o esplorativi richiesti del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione, pareri d'iniziativa e relazioni informative, nonché nei convegni e nelle audizioni da essa stessa organizzati.

Mantiene inoltre stretti rapporti di lavoro con le altre istituzioni e agenzie dell'UE nonché con organizzazioni di tutti i settori.

Downloads

Operational procedures of the CCMI

CCMI Leaflet

Setting up of the Consultative Commission on Industrial Change